Top
Paura di fallire, 2 storie che ti faranno cambiare idea - Franchising e Business per investire al meglio nella tua nuova attività
fade
4454
post-template-default,single,single-post,postid-4454,single-format-standard,theme-flow,eltd-core-1.2.1,woocommerce-no-js,flow-ver-1.6.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Paura di fallire, 2 storie che ti faranno cambiare idea

storie sul fallimento per non avere paura di mettersi in proprio

Paura di fallire, 2 storie che ti faranno cambiare idea

La paura di fallire è un sentimento molto comune, ma a volte può essere paralizzante, soprattutto quando si decide di intraprendere qualcosa di nuovo, come aprire un’attività in franchising. Le storie di grandi imprenditori, tuttavia, dimostrano come una sconfitta possa diventare un punto di partenza per il successo

Conosci Chris Gardner? La sua incredibile storia ha ispirato anche il film “La ricerca della felicità” con Will Smith. Oggi è uno degli imprenditori più famosi d’America, ma all’inizio degli anni Ottanta finì sul lastrico. La sua azienda, infatti, fallì e dopo la separazione dall’allora compagna (una studentessa di odontoiatria), si ritrovò con un figlio da accudire e senza una lira. Fu costretto a dormire ovunque, nei parchi, nelle stazioni ferroviarie, sui trasporti pubblici e persino in un bagno chiuso. Poi l’incontro con un agente di cambio, Bob Bridges. Da quel momento, spinto dal desiderio di dare una vita migliore al suo bambino, iniziò a studiare per diventare broker e con il poco denaro che ricevette, pagò l’asilo al figlio. La svolta arrivò con l’assunzione alla Bear Stearns, una banca d’investimento statunitense. Qualche anno più tardi riuscì a fondare la sua società di brokeraggio e a 34 anni ottenne il suo primo milione di dollari…Se non hai ancora visto il film te lo consiglio vivamente, La Ricerca della Felicità

Per vivere bene, bisogna fallire… è quello che ha affermato J. K. Rowling in occasione della cerimonia di laurea di Harvard. L’autrice della saga di Harry Potter è oggi una delle scrittrici più famose e ricche al mondo. Ma la sua vita non è stata tutta rose e fiori. Dopo la morte della mamma a causa della sclerosi multipla, si è ritrovata senza un lavoro e una figlia da accudire completamente da sola. Il suo matrimonio fu eccezionalmente corto e riuscì a sopravvivere solo grazie alle indennità sociali. Le venne persino diagnosticato uno stato depressivo. Come ha detto ai laureandi di Harvard, una certa dose di fallimento è inevitabile, ma prima o poi arriva la chance che ti cambia la vita per sempre, come è capitato a lei.

Va detto che nel nostro Paese non esiste ancora la cultura del fallimento. Da molti, se non da tutti, la sconfitta viene vista come un’onta irreversibile, eppure non è così, anzi, da un fallimento si può imparare tantissimo. Il mio invito, chiaramente, non è di non temere di incorrere in una sconfitta, l’eccessiva sicurezza in sé è un’arma a doppio taglio perché può portare a non considerare i propri limiti. Piuttosto ti consiglio di affrontare la paura di fallire, perché questo è veramente l’unico modo per iniziare una nuova attività con il piede giusto e soprattutto di non arrenderti!

Matteo Bencini
Matteo Bencini

Ciao! Mi presento, mi chiamo Matteo Bencini e sono titolare della catena di negozi in franchising DIVINI SAPORI. Dal 2012 faccio franchising e da Gennaio 2019 ho deciso di iniziare a scrivere le mie esperienze ed aiutare le persone come te a scegliere il miglior Brand per la propria attività ed il proprio futuro. Ti aspetto sul forum per conoscerti... A presto!

Nessun Commento

Inserisci un Commento