Top
Franchising famosi in Italia, classifica dei più redditizi - Franchising e Business per investire al meglio nella tua nuova attività
fade
5019
post-template-default,single,single-post,postid-5019,single-format-standard,theme-flow,eltd-core-1.2.1,woocommerce-no-js,flow-ver-1.6.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Franchising famosi in Italia, classifica dei più redditizi

Franchising famosi in Italia, classifica dei più redditizi

Aprire in franchising è un’idea che attraversa spesso la testa di chi sogna di mettersi in proprio, ma quale idea scegliere per il proprio business? Stilare una classifica dei franchising famosi più redditizi presenti nel nostro Paese non è facile, ma voglio darti qualche indicazione di massima, soprattutto sui settori attualmente in crescita.

Franchising famosi, i settori in crescita

franchising famosi

L’abbigliamento è senza dubbio uno dei settori trainanti. A fare la parte del leone sono soprattutto i negozi in franchising monomarca, come ad esempio Camomilla, che propone la formula del conto vendita. La durata del contratto di affiliazione è di 3 anni rinnovabili e non prevede il pagamento di royalties e fee d’ingresso.

Un altro settore emergente è quello dei grown shop in franchising, cioè dei negozi che vengono prodotti a base di canapa (cannabis). Nel nostro Paese, infatti, è consentita la vendita delle infiorescenze di cannabis con THC inferiore alla soglia prevista dalla legge (non superiore allo 0,6%). In un grown shop è possibile vendere semi di cannabis (con principio di TCH consentito dalla legge), attrezzature per la coltivazione e il giardinaggio della cannabis light (con soglia di THC inferiore allo 0,6%), articoli per i fumatori comi accendini, vaporizzatori, bong, narghilè, ecc., ma anche derivati della canapa come prodotti alimentari (tè, birre, bevande, dolci, ecc.), cosmetici e capi d’abbigliamento. L’investimento per aprire un negozio in franchising di canapa è di circa 15-20mila euro, come nel caso di EasyJoint. Si tratta di un’azienda italiana che permette di vendere diverse varietà di canapa legale.

Il mutamenti negli stili di vita e il dilagante uso di smartphone e tablet hanno portato al successo una nuova tipologia di attività:  il food delivery. Il comparto del cibo a domicilio, come confermano anche i dati (rapporto 2018 del FIPE) ha visto una crescita impressionante. Affiliarsi a un franchising che offre servizi di consegne pasti a domicilio può essere un’ottima opportunità di guadagno. Uno dei franchising più in voga al momento è Chikito, che permette di consegnare pollo e patate a domicilio. L’investimento è veramente molto contenuto (9.900mila euro) e non sono previsti royalties né canone mensile.

Franchising famosi, conclusioni

Trovare l’idea giusta è molto importante, anche perché l’imprenditoria non è improvvisazione. Il mio consiglio è di partire dai tuoi punti di forza o da un settore che ti appassiona. Chiaramente dovrai anche valutare il mercato e valutare con attenzione la casa madre. La scelta del franchisor va fatta sulla base di alcuni parametri, in primis la forza del marchio e la sua riconoscibilità sul territorio.

Matteo Bencini
Matteo Bencini

Ciao! Mi presento, mi chiamo Matteo Bencini e sono titolare della catena di negozi in franchising DIVINI SAPORI. Dal 2012 faccio franchising e da Gennaio 2019 ho deciso di iniziare a scrivere le mie esperienze ed aiutare le persone come te a scegliere il miglior Brand per la propria attività ed il proprio futuro. Ti aspetto sul forum per conoscerti... A presto!

Nessun Commento

Inserisci un Commento