Top
Contratto di franchising, legge 129 del 2004 - Franchising e Business per investire al meglio nella tua nuova attività
fade
4482
post-template-default,single,single-post,postid-4482,single-format-standard,theme-flow,eltd-core-1.2.1,woocommerce-no-js,flow-ver-1.6.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Contratto di franchising, legge 129 del 2004

contratto di franchising legge 129 del 2004

Contratto di franchising, legge 129 del 2004

In Italia il franchising è disciplinato dalla Legge n. 129 del 6 maggio 2004 (“Norme per la disciplina dell’affiliazione commerciale”). La legge 129/04, tuttavia, non è l’unica fonte regolatrice in materia di affiliazione commerciale, ma esistono anche alcune disposizione del Codice Civile, del Codice della proprietà industriale e il Regolamento europeo in materia di accordi verticali tra imprese.

La legge 129 del 2004 sul franchising è improntata alla trasparenza e impone al franchisor il dovere di fornire tutte le informazioni sulla rete al potenziale franchisee. Si focalizza, quindi, soprattutto sulla fase pre-contrattuale, essenziale ai fini di un’analisi da parte del potenziale affiliato.

Il contratto di franchising contiene anche una serie di obblighi a carico del franchisee, riconducibili a norme contenute nel Codice Civile il cui scopo è salvaguardare la formula commerciale e i diritti di proprietà intellettuale del franchisor da un uso scorretto o distorto degli stessi da parte dell’affiliato. Altre obbligazioni contrattuali derivano dalle disposizioni del Codice della proprietà industriale (CPI) e mirano a tutelare i segni distintivi e il know-how del franchisor (informazioni segrete, marchi, brevetti, ecc.).

I contratti di franchising sono governati anche dalla normativa europea in materia di accordi verticali tra imprese e intese restrittive della concorrenza. Trovano quindi piena legittimità le clausole aventi ad oggetto: l’obbligo di esclusiva di prodotto, l’obbligo di approvvigionamento esclusivo, l’obbligo di acquisti o di fatturato minimi, l’imposizione di prezzi di rivendita, l’obbligo di non concorrenza contrattuale o di non concorrenza post-contrattuale.

Mi sento di consigliarti 2 ottimi libri su questo argomento, entrambi veramente validi. Il Contratto di Franchising prima e dopo il 2004 e anche Diritto Privato e Pubblico nel Contratto di Franchising.

Matteo Bencini
Matteo Bencini

Ciao! Mi presento, mi chiamo Matteo Bencini e sono titolare della catena di negozi in franchising DIVINI SAPORI. Dal 2012 faccio franchising e da Gennaio 2019 ho deciso di iniziare a scrivere le mie esperienze ed aiutare le persone come te a scegliere il miglior Brand per la propria attività ed il proprio futuro. Ti aspetto sul forum per conoscerti... A presto!

Nessun Commento

Inserisci un Commento